Audit Energetici

Il D. Lgs. 115/08 definisce «diagnosi energetica» (audit energetico) una procedura sistematica volta a:

  • fornire un’ adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio o  gruppo di edifici, di un’attività o impianto industriale o di servizi pubblici o privati;
  • individuare e quantificare le opportunità di risparmio energetico sotto il profilo costi- benefici;
  • riferire in merito ai risultati.

La finalità di una diagnosi energetica è quella di individuare modalità con cui ridurre il fabbisogno energetico e valutare sotto il profilo costi-benefici i possibili interventi, che vanno dalle azioni di retrofit a modelli di esercizio/gestione ottimizzati delle risorse energetiche.
Nel momento in cui viene “fotografato” energeticamente l’edificio, la diagnosi si pone l’obiettivo di capire in che modo è utilizzata l’energia (ricostruzione di un bilancio in usi finali), individuare eventuali cause di sprechi e quali interventi possono essere posti in essere, al fine di valutare non solo la fattibilità tecnica, ma anche e soprattutto quella economica delle azioni proposte.
Gli obiettivi di una diagnosi energetica sono:

  • definire il bilancio energetico del sistema edificio-impianto e individuare i possibili recuperi delle energie disperse;
  • valutare le condizioni di comfort e di sicurezza necessarie;
  • individuare appropriate tecnologie di energy-saving e valutarne le opportunità tecnico-economiche;
  • ottimizzare le modalità di gestione del sistema edificio-impianto (contratti di fornitura di energia, modalità di conduzione, ecc.) ai fini di una riduzione dei costi di gestione.

Nella relazione finale di diagnosi energetica saranno descritti soltanto i possibili interventi di riqualificazione energetica del sistema edificio-impianto di cui sia stata accertata la fattibilità tecnica (incluso il rispetto dei vincoli paesaggistici, ambientali, architettonici, archeologici ...) ed economica.
I principali indicatori economici d’investimento che è possibile utilizzare in queste valutazioni sono:

  • VAN (valore attuale netto);
  • IP (indice di profitto);
  • TIR (tasso interno di rendimento) o IRR (internal rate of return);
  • TRA (tempo di ritorno attualizzato);
  • TR (tempo di ritorno semplice) o SP (simple payback time).